Su tutto il territorio della provincia di Pavia, iniziative di raccolta cibo, redistribuzione solidale, trasformazione in nuovi prodotti, e diffusione di conoscenza sull’agricoltura sostenibile.

Prende il via RADiCi – Rete Antispreco per il Diritto al Cibo – che si svilupperà nelle prossime otto settimane su tutto il territorio della provincia di Pavia, attraverso iniziative di raccolta cibo, redistribuzione solidale, trasformazione in nuovi prodotti, e diffusione di conoscenza sull’agricoltura sostenibile.

Insieme alle iniziative di organismi internazionali, Governo italiano ed Enti locali, anche il territorio pavese sarà presente nella lotta allo spreco alimentare con proposte molto concrete, anche grazie al contributo finanziario messo a disposizione da Regione Lombardia (D.G. Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi).
“Si parte con azioni di ritiro dell’invenduto direttamente dalle aziende agricole, redistribuzione in via prioritaria a famiglie bisognose ed Enti caritativi, e vera e propria trasformazione dei prodotti non consumati, ai quali verrà dato nuovo valore e riconoscibilità attraverso l’apposizione di un marchio. La prospettiva è quella di sperimentare un modello da proporre sul nostro territorio ad una rete sempre più ampia di operatori economici, enti pubblici, privati e famiglie”.
Così spiega Moreno Baggini, della Cooperativa Sociale 381 ONLUS di Voghera, impegnata da oltre venticinque anni nelle attività di agricoltura sociale ed Ente Capofila del progetto.

All’iniziativa partecipano in qualità di partner la Fondazione Giandomenico Romagnosi di Pavia e la Cooperativa Sociale Il Balancin di Pavia, insieme a molti altri sostenitori tra cui Amici dei Boschi APS, Associazione CAFE – Costruire Adesso un Futuro Equo, GAS PAVIA, Condotta Slow Food Oltrepò Pavese, Comunità di Sant’Egidio – Pavia.

L’impegno comune è quello di contrastare un fenomeno che ha un impatto disastroso sull’economia, sull’ambiente e sul benessere delle comunità: basti pensare che, solo in Italia, lo spreco alimentare in un anno vale poco meno di 10 miliardi.
Il progetto RADiCi prevede anche incontri seminariali, a partire dal prossimo 6 novembre, con il corso di alta formazione organizzato dalla Fondazione Romagnosi dal titolo: “Il contenimento dello spreco alimentare: politiche e pratiche virtuose a livello locale”.

PER INFORMAZIONI

Per tutte le informazioni e i dettagli di progetto:
Moreno Baggini, Coop. Sociale 381 Onlus Voghera tel. 339.6259189 mail [email protected]
Fondazione Romagnosi, tel. 392.3764850 0382.539676 mail [email protected]